Comunicato stampa 15/12/2020

VELA: Nasce una nuova competizione velica in solitario intorno al mondo, la GSC Global Solo Challenge

Nasce la Global Solo Challenge, una sfida velica e personale incredibile, la circumnavigazione del globo in solitaria, senza scalo, per barche di serie.

Molti sono gli appassionati di vela d’altura, professionisti con migliaia di miglia sotto la chiglia che spesso non possono iscriversi e competere alle principali regate oceaniche a causa dell’importante budget richiesto. La Global Solo Challenge vorrebbe essere la soluzione: infatti, sono ammesse barche di serie fra i 35 e i 45 piedi circa, costruite entro il 2005 e di cui ne esistano almeno 20 esemplari.

Ci sono altre limitazioni legate al dislocamento e caratteristiche della barca che escludono le barche troppo costose, gli open, i custom per contenere il budget e offrire una competizione unica nel suo genere. Scopri sul sito dell’evento come funziona.

Inoltre l’utilizzo di barche di serie è una scelta ecologica voluta dall’Organizzazione che segue la filosofia e le linee guida della “circular economy”, quindi il riutilizzo delle risorse nel rispetto del mare e dell’uomo.

La Global Solo Challenge è una competizione pensata da marinai per i marinai. Il Direttore e creatore della sfida è Marco Nannini che vanta nel suo palmares la partecipazione a grandi regate oceaniche come OSTAR, La Round Britain and Ireland, Route du Rhum e Global Ocean Race, giro del mondo in doppio a tappe per Class 40’, che conclude in seconda posizione e gli vale la Medaglia al Merito della Presidenza del Senato e il titolo di Velista dell’Anno 2012. Gestisce per cinque anni il CIVA Centro Italiano Vela d’Altura, dove segue un’importante flotta di Mini 650. Inoltre, la sua laurea in Economia e Finanza all’Università di York e la sua passata carriera nel mondo della finanza apporta un contributo unico e determinante per l’evento.

La Global Solo Challenge è il risultato di uno studio approfondito sul come offrire un evento velico dove non sia solo il budget a fare la differenza. Abbiamo adottato un format unico” racconta Marco Nannini, direttore del challenge.

La sicurezza dei partecipanti è l’imperativo assoluto: i navigatori devono dimostrare di aver navigato almeno 2000 miglia a bordo dell’imbarcazione che useranno per il giro del mondo. Sono previste più partenze per permettere alla flotta di mantenersi compatta al passaggio di Capo Horn, nel caso di problemi o avarie. Le barche più piccole o meno performanti partiranno prima di quelle più veloci, anche per dare pari opportunità di vincere a tutti i partecipanti, indipendentemente dalle dimensioni e dalle prestazioni delle imbarcazioni.

La partenza della sfida GSC è prevista a Settembre 2023 dalle Isole Canarie, l’Organizzazione sta prendendo accordi al riguardo. Il percorso è un giro del mondo, da est ad ovest, passando i tre capi, Capo di Buona Speranza, Capo Lleeuwin e Capo Horn e lasciando a dritta l’Antartide (sarà resa nota l’estensione dei ghiacci noti per quell’anno).

L’Organizzazione ha già ricevuto nella sola prima settimana 43 richieste di informazioni da navigatori di tutto il mondo e conta già un primo iscritto, Ivan Dimov, bulgaro di origini ma residente in Italia da molti anni. Per saperne di più guarda la scheda tecnica dello skipper Ivan Dimov.

Per chiunque abbia mai sognato di fare un giro del mondo in barca in solitario credo sarà un’opportunità unica per realizzarlo” conclude Marco Nannini.

Per maggiori informazioni sull’evento e sul regolamento visita il sito Global Solo Challenge.

Contatti:

Marco Nannini – Director – mobile: +39 3204093306
email: info@globalsolochallenge.com

Margherita Pelaschier – Chief Press Officer – mobile: +39 3385873955
email: margheritapelaschier@gmail.com

Promo video:

Barca a Vela non è solo un sito di notizie!Il meglio per la nautica scelto da chi vive il mare.
Scopri il negozio